lunedì 5 marzo 2012

Il mondo è infetto? La mia verifica

Qualche giorno fa ho scritto  un articolo in merito alla trasmissione televisiva "IL MONDO E' INFETTO?".




Nel servizio si diceva che lo sciacquone del water, nato per tenerlo pulito, ci risputa addosso germi e batteri. Bene oggi cercherò di provare questa teoria con il water del nostro ufficio. Così, visto che è il mio mestiere, ho pulito il water con ECOSI ASSIM e dopo averlo risciacquato ho disinfettato con ECOSI RIFRAXAN.
Mi sono quindi dotato un una lampada UV e ho scattato alcune foto.
Se ci fosse vita batterica, sarebbe messa in evidenza da un fluorescenza rilevabile con la lampada UV. Come si può vedere il W.C. ai raggi UV non rivela tracce batteriche evidenti a parte i 4 puntini fluorescenti che si vedono. Quelle sono le viti che tengono il coperchio e che, con una normale pulizia in effetti non sono sicure. Infatti germi e batteri si annidano all'interno del taglio delle viti e la pulizia e la disinfezione diventano piuttosto difficili.
Ho fotografato anche l'asse e come si può vedere  non presenta segni evidenti di vita batterica.
Domani sera dopo una giornata di utilizzo cercherò di valutare le condizioni igienico sanitarie del water.






E' sera, ufficio chiuso e sono curioso di vedere cosa è successo al nostro water dopo un giorno di lavoro. Le foto non sono chiare ma i risultati sono evidentissimi. Lo sporco rilevato dalla lampada è tangibile. Purtroppo non sono riuscito a fotografare l'asse superiore a causa del riflesso della luce.
Sembrerebbe quindi abba ragione la TV. Lo sciacquone ci risputa addosso parte di ciò che ha ingoiato. Anzi, pare assai più sporca la superficie esterna rispetto a quella interna.
Conclusione: i vari prodotti utilizzati per disinfettare o mantenere pulita l'interno della tazza parrebbero inutili.
Almeno da quanto si vede con una misera lampada da soli 5 euro.
L'asse invece è un vero disastro ecologico e pensare che questo bagno è utilizzato solo da due signore.
Tirando le somme è meglio concentrarci sull'esterno piuttosto che buttare litri di prodotto all'interno della tazza che risulta praticamente pulita. Torno a dire che questi sono risultati assai indicativi ma rivelatori di una realtà che io stesso non conoscevo.
Mi chiedo quindi con maggiore fermezza a cosa serva disinfettare il water o l'orinatoio ad ogni risciacquo se anche senza alcun prodotto non sembrano esserci contaminazioni batteriche?
A mio avviso è inutile sprecare denaro ed aumentare l'inquinamento con un accanimento morboso verso la nostra tazza WC quando il problema è all'esterno.
Pazienza poi a casa, ma in un bagno pubblico il problema diventa assai grave.
I batteri che il water o la turca spargono in ogni dove naturalmente si depositano ovunque quindi su porte, pareti, dispenser o anche sulla carta igienica.
E che succede se tiriamo l'acqua in una turca?
Probabilmente ci ritroveremo con i pantaloni pieni di batteri e, per le donne (con le gonne) le gambe contaminate.
La difesa?
Tiriamo l'acqua con il coperchio del water chiuso.
Ma per la turca non ho suggerimenti.

Nessun commento:

Posta un commento